HomeIl centroLe attivitàGli eventiContattaciDove siamo

In una società in cui l’infanzia subisce un’influenza fortissima da parte delle nuove tecnologie e dalle loro applicazioni (telefonini, computer, videogiochi) e della televisione, è fondamentale che i bambini e i ragazzi recuperino un contatto con la realtà, con le proprie emozioni e con il proprio corpo attraverso esperienze fisiche e sensoriali.
Questo vale per tutti ma a maggior ragione per i ragazzi con disabilità, che di solito vengono iperprotetti dai genitori, deprivati di esperienze concrete e ostacolati nell’acquisizione del processo di realtà anche nei suoi aspetti negativi.





Il progetto si propone di:
1. Realizzare e gestire un orto dove coinvolgere i bambini nel piantare, seguire nella crescita e raccogliere specie consumate dagli animali del Centro e dai bambini stessi. Parte dell’orto verrà realizzata in aiuole e cassoni rialzati e in bancali sopraelevati per permettere l’accesso e il lavoro anche a chi è costretto in carrozzina. Inoltre verranno utilizzati strumenti adeguati alle esigenze e all’età dei soggetti.
Oltre all’orto comune, è prevista la realizzazione di “mini-orti” personali (contenuti in cassette da frutta o bancali rialzati) in cui i bambini pianteranno due o tre varietà a scelta che potranno poi portare a casa a maturazione. Questo per coinvolgere trasversalmente anche le famiglie nel progetto di educazione alimentare, con il fine di contrastare le cattive abitudini alimentari a prevenzione di patologie come l’obesità e il diabete, che hanno una maggiore incidenza nei soggetti con disabilità.

2. Realizzare e gestire un piccolo campo agricolo (suddiviso da camminamenti per agevolare il transito delle carrozzine) in cui far crescere le piante di cui si nutrono i cavalli (mais, avena, girasoli, erba medica) e altre (grano, farro, mais da pop corn) da utilizzare con i ragazzi in inverno per realizzare attività al chiuso (laboratori).


Il progetto è risultato tra i vincitori del Bando regionale 2012/2013 indetto tra le organizzazioni di volontariato e sarà quindi in parte finanziato dalla Regione Lombardia.